Fashion Trend Forecasting

The Future is Now, The Future is You
Mentorship di Philip Fimmano

Scopri di più

Un programma innovativo per una mente intuitiva e acuta, il Trend Forecaster. Un master of the future in continuo movimento, alla ricerca di un fil-rouge tra politica, economia, tecnologia, arte, musica, e naturalmente moda; un alchimista capace di suscitare il desiderio attraverso nuovi concept di comunicazione e di prodotto.

Fashion Trend Forecasting si sviluppa attraverso quattro aree principali. Research: analisi dei dati e fenomeni. Link: associazioni personali, ispirazioni e mood. Concept: formulazione della tendenza, contro-tendenza e sub-trend. Release: applicazione per finalità di sviluppo del prodotto e di comunicazione con materiali di presentazione.

Questo corso prevede lezioni tenute da docenti provenienti dal settore e da ospiti internazionali, workshop a Parigi o Londra, viaggi studio alle fiere di Pitti a Firenze e alla Milano Fashion Week, e, in collaborazione con Trend Union di Li Edelkoort, comprende con due progetti validi per il portfolio personale e opportunità di stage.

Le lezioni si svolgono da aprile a dicembre, per un totale di 700 ore. Il corso si può concludere con uno stage presso un’azienda o un’agenzia di comunicazione e il corso è di 80 crediti complessivi. Sono richiesti la conoscenza della lingua inglese e l’obbligo di frequenza. I candidati saranno selezionati tramite il processo di ammissione che consiste in un questionario di orientamento e un colloquio con i leading teacher del corso.

Piano di studi

Le quattro aree principali, Research, Link, Concept e Release, prendono forma concreta in dieci moduli didattici:

Contemporary Fashion
Fashion industry; player e calendari principali; l’identità di designer, marchi e prodotti di riferimento; collezioni e sfilate.

Fashion Futures
Sociology of imaginary; sottoculture; archeologia, antropologia e psicologia della moda; arte & moda; semiotica; teoria del colore.

Fashion Trend Forecasting
Tendenze contemporanee; metodologia del forecasting; analisi e applicazione delle tendenze; mostra, installazione e performance.

Trend Materials
Filati, tessuti e trattamenti; materiali per la ricerca; pratiche di colore; utilizzo, riferimenti e interazioni tra colori e materiali.

Fashion Development
Trend design research; briefing e creazione di mood board; materials and art buying; sviluppo prodotto; fashion design management.

Craft to Business
Pelletteria; catena di fornitura verticale; comunicazione del prodotto; business intelligence; progettazione di start-up e business.

Buyology
Fashion merchandising (focalizzato su accessori); comportamento del consumatore; tendenze del retail (architettura, tendenze di acquisto, format dei negozi, packaging).

Strategic Planning
Agenzia creativa; copywriting; mappe mentali; change management; fashion branding e comunicazione, pubblicità.

Visual Communication
Estetica; studio della luce; tecniche di fotografia; riviste di moda; graphic design; digital styling; video making.

Fashion Writing
Giornalismo di moda; tecniche di scrittura per scopi diversi; blogging; social networking; gestione dei contenuti editoriali.

Competenze professionali

Una carriera come Trend Forecaster, che sia all’interno di un brand, di una rivista, di un’agenzia o di una catena di negozi, richiede un’indole indipendente, un approccio multidisciplinare, la curiosità di vagliare fonti primarie e secondarie, l’abilità di presentare in pubblico e l’entusiasmo di essere contemporanei e sempre in anticipo sul mercato.

Mentor

Philip Fimmano
Trend Union
Philip Fimmano è un contemporary fashion and lifestyle specialist, ed esperto in trend forecasting. Il suo lavoro con Trend Union, una delle più rinomate agenzie di trend forecasting fondata da Li Edelkoort, la rivista Bloom ed i suoi studi strategici per molti brand internazionali, ha permesso a Fimmano di lavorare in diversi settori come textile, interior, food, artigianato, luxury, viaggi e retail. E' il direttore dello studio creativo di New York Edelkoort Inc., co-fondatore di Talking Textiles, curatore e invited speaker al Musée du Quai Branly, Nordiska Museet, Royal College of Art e cinque N.I.F.T. campus in tutta l'India.