Fashion Curation

Fashion: Curating the Vortex
Mentorship di Linda Loppa

Scopri di più

 

“Curating” è oggi considerato un concetto di tendenza. “Curare” vuol dire prendersi cura di un oggetto materiale, ma può essere ugualmente applicato anche a un’idea, a una visione o a un sogno. Curare significa trasformare un oggetto tangibile - un cappotto, una scarpa, un dipinto - in un’esperienza indimenticabile: spazio, luce e suono sono nuove dimensioni, in grado di evidenziare le caratteristiche dell’oggetto stesso e incoraggiare quindi lo spettatore a riflettere sul suo significato, sul suo valore nella storia dell’umanità, sull’influenza che ha nel modo in cui percepiamo i fenomeni creativi e i flussi di creatività e artigianalità. Oggi il “tempo” ha un significato molto diverso rispetto a quello che aveva decenni, persino anni fa: oggi viviamo il tempo come un vortice che riunisce passato e futuro. Viviamo simultaneamente il mondo virtuale e quello umano, mentre il vortice combina entrambe le esperienze stimolando un nuovo modo di pensare, parlare, sognare, lavorare, curare.

Linda Loppa

Il master in Fashion Curation consente di approfondire le diverse attività che fanno parte delle pratiche curatoriali, attraverso il coinvolgimento di figure chiave del settore e visite alle più importanti mostre presso musei, gallerie e eventi d’Europa. Dall’ideazione all’allestimento finale, che si tratti di un museo o di una mostra “in situ”, il corso guida gli studenti in un percorso attraverso le arti per formare la futura generazione di curatori di moda.

Il corso si struttura in tre moduli principali:

  • Primo – background teorico del museum management, archivistica, pratica del collezionismo, tecniche di esposizione, basi teoriche dell’arte espositiva, soggetti e contesto.
  • Secondo – sessioni pratiche su come curare l’Oggetto, il Soggetto e il Progetto di una mostra.
  • Terzo – focus sulla scrittura, la discussione e la condivisione di conoscenza con esperti curatori di moda e arte.

“La società ha subito grandi cambiamenti e anche il museum management deve cambiare” afferma Linda Loppa “Un ‘vortice’ può esistere attraverso le diverse ‘dinamiche’: questo corso utilizzerà nuovi strumenti per ‘curare’ un nuovo significato e creare così un approccio innovativo al fashion curation, che potrà attirare e ispirare un pubblico giovane, la nuova generazione di pensatori senza tempo”.

Il corso è rivolto a studenti avanzati interessati alla teoria e alla pratica della moda come fenomeno sociale e che aspirino a sviluppare le proprie competenze nella curatela museale e nei campi ad essa correlati nella cultura della moda. I partecipanti devono essere appassionati di arte, moda e architettura.

Al termine del Master gli studenti avranno automaticamente accesso alla Call per il programma Polimoda Talent 2018/2019.

Piano di studi

Il piano di studi si articola in corsi accademici quali Concept of Curating, ICOM Regulations, Sociology, Exhibition Space Design, Research Methodologies e Writing e laboratori in cui le competenza pratiche saranno messe alla prova grazie a un approccio creativo e a una serie di contributi esterni nei campi del Curation, Design, Music, Architecture e Fashion Archives.

Il corso include anche viaggi studio a Parigi e Venezia e una serie di visite ad aziende, musei e archivi di Firenze.

Career Opportunities

Sulla base delle competenze acquisite, i diplomati in Fashion Curation possono intraprendere una carriera come Fashion Curator, Fashion Research, Art Curator, Art and Fashion Event Designer, Consultant.

Mentor

Linda Loppa
Advisor Strategy & Vision
Linda Loppa ha oltre 40 anni di esperienza nella moda e più di 25 nella formazione per il settore. Dopo aver diretto il Fashion Department della Royal Academy of Fine Arts di Anversa, Linda Loppa ha guidato la crescita di Polimoda come suo Direttore per nove anni, prima di trasferirsi a Parigi nel suo ruolo attuale, per stabilire connessioni e un garantire un miglior inserimento della scuola nella moda internazionale.