Creative Direction

The Ultimate Management of Fashion Design
Mentorship di Linda Loppa

Scopri di più

Un programma ampio e approfondito, che forma la massima evoluzione del fashion designer: il Creative Director, una figura in grado di guidare uno studio di design, l’identità di un fashion brand, come qualsiasi progetto speciale nella società dello spettacolo, avvalendosi di quell’approccio sensoriale e concettuale caratteristico dell’art management.

Il Master in Creative Direction si basa su 3 moduli interdipendenti. Design: come trend e ricerca culturale si traducono in un concept da visualizzare. Brand: un’analisi di mercato che si conclude in una strategia per una determinata brand identity. Comunicazione: creazione dei contenuti testuali, visivi e video che dovranno essere ideati e sviluppati dal team.

Questo master offre l’accesso a sfilate, fiere, esposizioni e musei in Italia e in Europa e opportunità di stage. I corsi sono tenuti da docenti e ospiti del settore e prevedono verifiche one-to-one dei progressi compiuti dallo studente. Il progetto finale consiste in un concept book che verrà presentato di fronte a una giuria con un’installazione a Villa Favard.

Le lezioni si svolgono da giugno a marzo, per un totale di 700 ore. Il corso si può concludere con uno stage presso un’azienda o un’agenzia di comunicazione e il corso è di 80 crediti complessivi. Sono richieste la conoscenza della lingua inglese e un minimo di esperienza nel settore. I candidati, con esperienza lavorativa o titolo di studi nel settore della moda e affini, saranno selezionati tramite il processo di ammissione che consiste in un questionario di orientamento e un colloquio con i leading teacher del corso.

Al termine del Master gli studenti avranno automaticamente accesso alla Call per il programma Polimoda Talent 2018/2019.

Piano di studi

Design
Sociology of Imaginary: antropologia e psicologia. Creative Direction: ideazione, visualizzazione, briefing e implementazione di un concept. Trend Forecasting: individuazione della tendenza e ancoraggio al concept principale. Trend Lab: sperimentazione di colori e materiali. Advanced Fashion Design: trasformazione di un concept in una collezione di moda o una serie di accessori. Fashion Design Management: gestione di team e ambienti creativi, dal brief al risultato finale.

Brand
Contemporary Fashion: la profonda connessione tra designer e brand. Brand Architecture: costruzione di un’identità attraverso elementi consci e inconsci. Strategic Branding: posizionamento e riposizionamento di un brand con diverse strategie. Brand Management: brand extension ed elementi chiave per la gestione del cambiamento. Fashion Marketing: sintonizzare l’identità con il cliente. Fashion Business: strutture societarie, budget e project management.

Comunicazione
Fashion Art Direction: grafica, video, fotografia, packaging e materiali di presentazione. Set Design: musica, luci, odori e superfici, corpo, spazio e pubblico. Fashion Curation: concezione di un evento tra arte e moda. Fashion Writing: gestione dei contenuti editoriali, scrittura e copywriting. Communication Management: pubblicità, pianificazione strategica e amministrazione. Fashion Leadership: tecniche di coaching, public speaking e presentazione.

Competenze professionali

Una carriera come Creative Director si costruisce passo dopo passo, attraverso il talento, la tenacia e una rete di relazioni. Per questo motivo, agli studenti che abbinano miglior Curriculum, coerenza nei progressi e progetto finale, saranno riservate particolari attenzioni, tra cui: contatti con aziende, ampia esposizione attraverso i canali ufficiali di Polimoda e la speciale tutorship di Linda Loppa.

Mentor

Linda Loppa
Advisor Strategy & Vision
Linda Loppa ha oltre 40 anni di esperienza nella moda e più di 25 nella formazione per il settore. Dopo aver diretto il Fashion Department della Royal Academy of Fine Arts di Anversa, Linda Loppa ha guidato la crescita di Polimoda come suo Direttore per nove anni, prima di trasferirsi a Parigi nel suo ruolo attuale, per stabilire connessioni e un garantire un miglior inserimento della scuola nella moda internazionale.